Le mie poesie

Buongiorno, cari lettori. Ecco il programma 2017, che cercherò di rispettare. Buona lettura.

- 1 breve racconto ogni sabato

- 1/2 poesie al mese

- riflessioni su argomenti principali

domenica 5 marzo 2017

Fuori luogo - N°1 - Vita da corriere

Non amo il mio lavoro. Sveglia puntata alle 5 e 8 ore a guidare, sempre per le stesse vie della città. 
Con il mio stipendio non posso permettermi troppi svaghi. Anzi, posso permettermi proprio pochi svaghi. Ma soprattutto disprezzo il mio lavoro per ciò che è accaduto.
Erano le 5 e mi svegliai, per l'appunto. Feci colazione e uscii da casa alle 5:30, con la divisa rossa della compagnia, ormai consumata. Mi diressi al magazzino e prelevai i 24 pacchi che mi erano stati assegnati. Il primo andava consegnato in via Mecenate, all'86. Un signore sulla sessantina ritirò il pacco e mi diede una busta.
-Tenga.-
-Cos'è?-
-Una busta. Deve seguire le istruzioni.-
-Mi scusi...di cosa sta parlando?-
-Non faccia il finto tonto, lei sa cosa ha fatto e lo sanno anche loro...-
-Loro?-
-Prenda la busta!-
-Le auguro una buona giornata...-
-Venga qui! Prenda la busta e segua le istruzioni-
-Deve aver sbagliato; buona giornata.-
Afferrò la mia maglietta e la tirò verso sè. La manica si strappò e io caddi a terra, sbucciandomi il gomito.
-Ma per la miseria! Cosa fa?!-
-Prenda la busta.- Disse con tono intimidatorio.
Le sue sopracciglia si inarcarono e la sua fronte era percorsa da svariate rughe. Mostrava appena i denti gialli dal tartaro e qualche goccia di saliva si faceva strada tra la sua corta barba bianca.
-Va bene, ma le pare di fare così?-
Si girò e tornò dentro la palazzina di mattoni rossi. Sbattè il portone di legno scuro, ma prima mi guardò. Provava pena verso di me. Perchè?
Mi rialzai, dolorante. Sciacquai il gomiti e levai i sassolini dalla sbucciatura. Non tutti però.
Salii sul furgone, mi misi di fronte al volante e aprii la busta, controllando ogni tanto che nessuno mi vedesse. All'interno vi era una lettera.
"Signor Cozzi, non badi a chi siamo noi, si limiti a fare ciò che vogliamo. 3 persone rischiano la vita. Ha un bel peso sulle spalle.
Si rechi in Largo Cairoli. Un uomo, vestito di nero, la aspetterà davanti ai tornelli della fermata della metropolitana.
Seguiranno istruzioni."
3 persone. Ho 3 vite nelle mie mani. E sono solo un corriere.

Nessun commento:

Posta un commento